Fa capolino la Chartreuse verde
NEWS

Fa capolino la Chartreuse verde

Da qualche giorno la Chartreuse Verde ha fatto capolino alla Trattoria Passaora e la proponiamo a fine pasto con un po’ di ghiaccio in alternativa agli amari tradizionale, alle grappe e ad altri nobili distillati. Ignota alla maggior parte del “pubblico italiano”, ci divertiamo ad osservare la piacevole sorpresa del primo assaggio e la classica domanda che viene posta “buona! Ma cos’è?”. Ecco allora qualche notizia storica sul misterioso liquido verde.


La chartreuse è un liquore prodotto in origine dai monaci certosini nelle cantine della certosa Grande Chartreuse, situata nelle prealpi della Chartreuse a Voiron, nel dipartimento dell’Isere nella Francia meridionale. Oggi viene  prodotto in una fabbrica nei pressi di Voiron, sotto la supervisione dei monaci della certosa.

Gli Alambicchi in rame storici della Chartreuse, sono stati oggi rimpiazzati da modelli in acciaio inossidabile dove nasce il liquore da una ricetta segreta che mette insieme circa 70 erbe.

La Chartreuse nacque nel 1605 quando i monaci certosini di Vauvert (Parigi), rinvennero un manoscritto con la formula di un elisir di lunga vita. A causa della sua complessità, la ricetta non venne prodotta, ma nel 1737, presso la grande certosa di Grenoble cominciarono a fare uno studio approfondito. Iniziarono quindi la produzione che rimase però limitata alle città vicine di Grenoble e Chambery. La Chartreuse verde venne elaborata nel 1764.

Durante la Rivoluzione francese i monaci, volendo conservare la ricetta, la diedero al farmacista di Grenoble, Liotard. La ricetta tornerà ai monaci alla sua morte nel 1816.

I certosini vennero espulsi dalla Francia nel 1903, e la Chartreuse venne prodotta a Tarragona in Spagna fino al 1929, quanto ritornò ad essere prodotta in Francia, a Fourvoir. Dal 1935, a seguito di una frana a Fourvoirie, il liquore viene prodotto a Voiron dove è situata la più lunga cantina di liquori al mondo. Dal 1990, data nella quale la distilleria di Tarragona venne chiusa, la Chartreuse è prodotta soltanto a Voiron. Investiti da questa missione dal loro ordine religioso, i certosini della grande certosa sono i soli a conoscere la famosa ricetta (in realtà solo due o tre di loro la conoscono realmente). Ancora oggi la formula è rimasta un mistero nonostante i moderni metodi di indagine.

La gradazione alcolica è di 55% ragione per la quale la proponiamo miscelata con ghiaccio.